Blattelle

La Blattella germanica è un insetto appartenente all'ordine dei Blattodea, dalla forma snella e allungata le cui dimensioni variano da 1,3 cm a 1,6 cm di lunghezza, di colore marrone chiaro in alcuni casi tendente al rosso. La testa piccola rispetto al resto del corpo è caratterizzata da lunghe antenne molto mobili; anche il torace è piccolo e la sua parte dorsale (pronoto) presenta due strisce nere che la rendono facilmente riconoscibile.
La Blatta germanica è molto prolifica: una femmina nel suo completo ciclo vitale produce fino a 8 ooteche che si schiudono in circa 20 giorni. È uno scarafaggio molto attivo, scattante e rapido nei movimenti ed è dotato di ventose che gli permettono di muoversi anche sui muri o sul soffitto. Come la maggioranza delle blatte, questa specie è lucifuga: non ama cioè l'esposizione alla luce, per cui svolge le sue attività preferibilmente di notte, o comunque in situazioni scarsamente illuminate.
Altra necessità per la blatta germanica è la presenza di cibo, di conseguenza è usuale trovarla in bar, ristoranti, magazzini di derrate, ma molto frequentemente anche nelle abitazioni, in punti umidi ad esempio tinelli, spazi dietro e sotto frigoriferi o lavatrici, bagni. La blattella può migrare da un ambiente ad un altro con facilità, per esempio attraverso le tubazioni degli impianti elettrici, idraulici o di condizionamento, le aree cave della controsoffittatura o della pavimentazione.
Nelle parti comuni degli edifici residenziali può essere riscontrata sporadicamente, generalmente in concomitanza con forti infestazioni negli appartamenti.

 

La Blatta orientalis, conosciuta anche come scarafaggio nero comune è un insetto appartenente all'ordine dei Blattodea. Gli esemplari adulti sono lunghi 2-3 cm, hanno forma ovale appiattita e colore bruno scuro. Le femmine presentano sul dorso degli abbozzi alari e non sono in grado di volare, i maschi, invece, possiedono ali un po’ più corte dell’addome e, pur potendolo fare, solo in casi rari spiccano brevi voli.
Questa specie è relativamente letargica, predilige il movimento nelle ore notturne ed evita ambienti luminosi: la sua comparsa in orario diurno indica una grande infestazione.
A causa della morfologia delle zampe non è in grado di arrampicarsi su pareti verticali e si muove strisciando. Rispetto alle altre specie è più lenta e meno prudente. È molto vorace, praticamente onnivora. Questi insetti infestano in particolar modo le fognature, e possono fuoriuscire dai pozzetti e persino percorrere all’interno le tubazioni di scarico, passando dai sanitari dei bagni e dai lavelli delle cucine. Nei locali di raccolta rifiuti trovano, inoltre, cibo in abbondanza e un microclima idoneo al loro sviluppo.
La presenza di canne di caduta rifiuti attive può rappresentare una via di transito verso i piani superiori. Si riscontrano inoltre negli scantinati, nei magazzini e in altri luoghi umidi e freschi. Possono spostarsi da un locale all’altro, percorrendo le cavità strutturali degli edifici, tra cui canaline elettriche, tubazioni idrauliche e degli impianti di condizionamento. È un infestante tipico delle parti comuni degli edifici residenziali, ma può essere riscontrato anche nelle abitazioni, dove però raramente si moltiplica, se vengono svolte le consuete operazioni di pulizia. Lo scarafaggio nero ha uno sviluppo più lento rispetto a quello della Blattella germanica: da uovo ad adulto in grado di riprodursi passano in media 8-10 mesi. La presenza di questi infestanti negli ambienti domestici generalmente non è causata da loro insediamento stabile, ma dal loro ingresso, che deve essere contrastato tramite localizzazione e occlusione delle vie di transito.

Questo sito utilizza cookies. Per saperne di più: Privacy Policy

Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser